Direttore di Produzione

Fondatore e Presidente dell'ente promotore del progetto "Festival Antonio Vivaldi", Giulio Melicchio, è docente a contratto presso istituti d'istruzione superiori a Bologna. 

 

Da diversi anni opera nell'ambito del Terzo Settore producendo sul territorio nazionale diverse rassegne e contenitori culturali, in stretta collaborazione e/o per conto di Governi Regionali, Provinciali, locali e Università.

 

Amante della musica classica e barocca, perfeziona i suoi studi focalizzando le proprie energie nella progettazione e produzione di grandi eventi, quali galà lirici-sinfonici e concerti di musica antica e classica, siglando importanti collaborazioni con diverse orchestre europee.

  

È il coordinatore di numerosi progetti artistici-culturali quali “MoviMenti” presso il complesso storico-culturale di Villa Sorra – Castelfranco Emilia (MO), “I Classici” – edizione 2018 per conto dell’Università degli Studi di Bologna, progetto di valorizzazione e promozione dell'eccellenze enogastronomiche regionali presso "Fabbrica Italiana Contadina" - Bologna per conto della Regione Calabria e molti altri.

 

Coordina la gestione e il personale impiegato presso strutture pubbliche su Monterotondo (RM) quali la Biblioteca “P. Angelani”, il Teatro “F. Ramarini”, il Museo Archeologico E Multimediale e il Museo Storico da ottobre 2018 e da aprile 2019 si occupa della gestione del Complesso Parco Villa Sorra - Castelfranco Emilia nel modenese.

 


Direttore Artistico

Si è diplomato in Flauto Dolce con lode e menzione d’onore presso il Conservatorio di Cosenza nel 2015 sotto la guida di Tommaso Rossi. Vincitore di una borsa di studio Erasmus presso il Koninklijk Conservatorium di Bruxelles nel 2013 ha approfondito la prassi dello strumento con Bart Coen e Peter de Clercq.  

Nel corso dei suoi studi ha seguito master classes e corsi di perfezionamento con Lene Langballe, Dan Laurin, Pedro Sousa Silva, Frank Theuns, Pedro Couto Soares. È laureato con lode in Scienze dell’Antichità ed i suoi interessi accademici sono concentrati sulla letteratura greca, l’antropologia culturale e la storia del marxismo.  

 

La sua attività artistica è iniziata nel 2011, anno nel quale ha iniziato a prendere parte alle produzioni dei progetti Scarlattilab e Laboratorio Turchini, nati dalla collaborazione tra il Conservatorio di Napoli e l’Associazione Alessandro Scarlatti. Nel 2014 ha collaborato con La Pompeiana baroque ensemble. Per il Koninklijk Conservatorium di Bruxelles si è esibito presso BOZAR (Zurbaran’s musical evenings) e presso il Musee des instruments de musique. A Bruxelles inoltre ha collaborato con l’ensemble barocco/contemporaneo Europa Ritrovata. 

 

Nel 2016 si è esibito come solista con l’Orchestra Nazionale Barocca dei conservatori, compagine che seleziona i migliori allievi provenienti dai dipartimenti di musica antica dei conservatori italiani. Nello stesso anno ha suonato per Ravello Festival con Cappella Napoletana sotto la direzione di Antonio Florio. Con lo stesso gruppo ha preso parte alla stagione operistica del Teatro Regio di Torino nel 2018. Negli Stati Uniti si è esibito presso il Detroit Institute of Arts con l’ensemble barocco L’inventione e ad Ann Arbor (MI) con l’orchestra barocca della University of Michigan.