In linea di continuità con la passata prima edizione del Festival Antonio Vivaldi, la nuova proposta allarga l’orizzonte musicale ai contemporanei del compositore veneziano che comunque rimane parte fondante nonché filo logico musicale della presente rassegna.

 

La seconda edizione vuole porre l’attenzione su come il prete rosso veneziano Antonio Vivaldi e alcuni dei suoi contemporanei individuati per l’occasione in Bach, Telemann 𝑒 Corelli abbiano saputo iniziare quel rapporto musicale così intimo con il pianoforte, all’epoca clavicembalo. 

 

Evidenti due aspetti: la genialità dei musicisti nel guardare avanti ossia nell’immaginare attraverso il clavicembalo (strumento proprio del loro tempo) le sonorità, i fraseggi, le coloriture e quant’altro che caratterizzano la natura stessa del pianoforte e che ad esso devono tutto lo sviluppo della gigantesca mole di composizioni nonché l’inizio di quel percorso del solista che viene affiancato dall’orchestra che arriverà a sbocciare nei grandi Concerti per pianoforte e Orchestra del XIX e XX secolo.

 

Antonio Vivaldi guida il contenuto musicale e artistico della seconda edizione del Festival che porta il suo nome; a lui si affiancano i suoi contemporanei al fine di mostrare le produzioni musicali parallele nello stile e nelle forme con il fascino delle personali firme delle menti di musicisti quali BachTelemann 𝑒 Corelli 

 

Ad impreziosire la rassegna artistica, diretta dal M° Alessandro Marano, il 1° Premio "Francesco Tierri": una collettiva d’arte proposta dagli studenti del Liceo Artistico di Castrovillari sul tema "l'Uomo, l'Arte e la Musica". 

 

Per i primi tre artisti classificati sono previste n. 3 borse di studio; inoltre percorsi multimediali alla scoperta del sommo violinista, spettacoli di luci e tanto altro.

 

Ingresso gratuito.